I quattro elementi della poesia


Nel cartellone di Castelbasso Progetto Cultura hanno figurato, nel 2005, quattro recital sui quattro elementi del Fuoco, dell’Aria, della Terra, dell’Acqua, che hanno avuto come protagonisti ventiquattro poeti tra i maggiori provenienti da aeree culturali diverse, dall’Italia al Brasile, alla Cina, al Portogallo, alla Romania, alla Svezia al mondo slavo. La poesia, che (come vuole Rilke) accoglie, custodisce e testimonia i battiti del tempo umano, la calda fuggitiva onda del cuore. si interroga sulle grandi metafore rappresentate dall’Aria, dal Fuoco, dall’Acqua e dalla Terra. Gli elementi tornano così prepotentemente a dar voce ai sentimenti, alle energie, ai segni propri di chi non vuol dimenticare che l’eco di una dimensione cosmica ha ancora e sempre un linguaggio, come un’altra rete non informatica che tiene vivo, intatto, puro il nostro forse dimenticato stupore di esistere nel mondo. La poesia, che – varia come le piume degli uccelli- può parlare di qualsiasi cosa, è il linguaggio di questa rete, dove il respiro e l’immagine (l’Aria), la verticalità e il grido (il Fuoco), il riflesso e il movimento (l’Acqua), l’orizzonte e l’ombra (la Terra) incessantemente si ripetono, si rinnovano, propongono un incontro e un ascolto delle sue voci in grado di alimentare e di nobilitare quello stupore.

L’iniziativa, curata dal critico letterario e scrittore Renato Minore, ha inteso presentare la poesia in una veste nuova, seducente: da una parte la voce del poeta che declama la sua “origine”, dall’altra la musica che sottolinea la diversità della materia. Per questo appuntamento, il M.° Giancarlo Scarpone, con musiche composte appositamente, ha voluto scegliere una chiave materico/ emozionale: partendo dall’analisi timbrica di ciascuno degli elementi, la forma musicale restituisce un pensiero, un’emozione, una sensazione.

I reading si sono svolti secondo il seguente calendario.

15 luglio
Reading di poesia dedicato all’Acqua.
Il riflesso e il movimento dell’Acqua interpretati dalla poesia come circolazione, ricerca di “patria”, idealità diffusa su storie circoscritte. Hanno partecipato Pedrag Matvjevic, Marcia Theophilo, Maurizio Cucchi, Alessandro Fo, Alba Donati, Paolo Peluffo.

22 luglio
Reading di poesia dedicato all’Aria.
Il respiro e l’immagine dell’Aria interpretato dalla poesia come mescolanza, ricerca dell’identità e della differenza. Dalla globalizzazione al glocal.
Hanno partecipato Titos Patrikios, Corrado Calabrò, Ennio Cavalli, Paolo Ruffilli, Valentino Zeichen, Daniele Cavicchia.

29 luglio
Reading di poesia dedicato al Fuoco.
La verticalità e il grido del Fuoco interpretati dalla poesia come conoscenza, svelamento, ricerca di senso. Hanno partecipato Yang Lian, Gabriella Sica, Casimiro de Brito, Antonio Ricardi, Marco Tornar, Andrea Velardi.

5 agosto
Reading di poesia dedicato alla Terra.
L’orizzonte e l’ombra della Terra interpretati dalla poesia come contrasto, lacerazione, ferita, dolore del mondo. Hanno partecipato Verana Blandiana, Bianca Maria Frabotta, Gianni d’Elia, Elio Pecora, Andrea di Consoli, Reidar Ekner.