KIKUO TAKANO

Il senso del cielo

a cura di Renato Minore, traduzione di Yasuko Matsumoto
22 luglio, ore 21.30
Copertina
Presentazione del libro, Castelbasso, 23 luglio 2017
Presentazione del libro, Castelbasso, 23 luglio 2017
Presentazione del libro, Castelbasso, 23 luglio 2017
Presentazione del libro, Castelbasso, 23 luglio 2017
Presentazione del libro, Castelbasso, 23 luglio 2017
Presentazione del libro, Castelbasso, 23 luglio 2017
Estratto
Estratto
Estratto
Estratto
Estratto

Il senso del cielo raccoglie poesie e altri testi, in parte inediti anche in Giappone, di Kikuo Takano, uno dei massimi poeti giapponesi del secondo Novecento, molto amato anche in Italia, dove ha soggiornato a lungo. L’antologia si snoda attraverso cinquant’anni, a partire da quelli più tremendi del disastro nipponico post-bellico; fin dall’inizio la voce di Takano, formatasi all’ombra dei maestri taoisti e zen ma anche sulle tracce di poeti e pensatori europei come T. S. Eliot e Heidegger, colpisce per un suo tono asciutto e antisentimentale, ma non per questo meno vibrante di umanità: “io sono il narratore”, scrive Takano, “ma sono anche colui che ascolta”. Forse proprio quella dell’ascolto è la dimensione più forte e originale di questa poesia, l’ascolto non come semplice ricezione, ma come capacità di essere insieme alle cose e, nello stesso tempo, di farne scaturire la verità contro l’assedio feroce dell’inautentico; solo così, infatti, potremo mantenere aperta la nostra anima “alla luce alta e segreta del mondo”. Ed è questa la vera missione della parola poetica, che Takano persegue con coerenza assoluta: “siamo radicati nelle parole, e siamo sulla terra per custodirle”.

Renato Minore