Teatro


 

22 luglio
ASCANIO CELESTINI in “La pecora nera”
Uno spettacolo sull’istituzione manicomiale, un “Elogio funebre del manicomio elettrico” scritto dallo stesso artista, raccogliendo le storie e le esperienze di chi il manicomio lo ha vissuto. Il risultato voluto non è stata una storia oggettiva, ma un racconto che sapeva di freschezza.

29 luglio
LINA SASTRI in “Corpo celeste”
Lo spettacolo, liberamente ispirato al saggio omonimo di Anna Maria Ortese, è stato una riflessione su presente e passato, sull’inevitabilità del non ritorno e sulla possibilità, per l’uomo, della speranza. Temi e pensieri sono stati scanditi da brani musicali della tradizione classica napoletana, quasi frazioni liriche, talvolta drammatiche, appassionate e visionarie, del racconto teatrale.

1° agosto
ABRUZZO: terra di racconti
Con la regia di Martino D’Amico, Sabrina Scuccimarra, attrice, e Valentina Cardinali, cantante, hanno intrapreso un viaggio attraverso resoconti di viaggiatori inglesi e tedeschi dei secoli XVII e XVIII, pagine dannunziane e melodie popolari abruzzesi in un intreccio tra composizione sinfonica e parola poetica, giocato sul filo della leggerezza.

13 agosto
PRETATTI E CAMPONESCHI ovvero: …. Temé che rattatuju!
Compagnia teatrale “Il Gruppo”
Portato in scena da “Il Gruppo de L’Aquila”, lo spettacolo in dialetto aquilano, scritto e diretto da Franco Villani, ha raccontato una storia di pura fantasia in cui i personaggi si sdoppiano e interpretano se stessi in condizioni di sesso opposto. I colloqui con il pubblico, la vicenda stessa e le situazioni boccaccesche fanno del testo teatrale pluripremiato, una tipica Commedia dell’Arte.

14 agosto
PREMIATA PASTICCERIA BELLAVISTA
Compagnia teatrale “Palcoscenico ‘95”
La commedia, scritta da Vincenzo Salemme, narra le disavventure di un pasticcere che, avendo subito il trapianto delle cornee, si sente chiedere la restituzione degli occhi dal “legittimo” proprietario. Pur nella drammaticità del tema trattato, la Compagnia pescarese, divertendosi e divertendo, ha reso al massimo l’ironia dell’autore che stigmatizza chi trae vantaggio dal male altrui.

15 agosto
CE PENZE MAMMÀ
Gruppo Artistico “Le Muse”
Scritta e diretta da Marina Di Carluccio, la commedia dialettale racconta di due “signorine” che, con fratello attempato e consorte, vivono sotto lo stesso tetto, vittime inconsapevoli di qualcuno che intreccia e dipana un’interminabile matassa nella quale parenti, sorprese ed eventi rendono la storia ricca di equivoci e colpi di scena.