Opere della collezione Fondazione Menegaz

Nelle sale espositive di Palazzo Clemente, sede della Fondazione, fino al 30 giugno 2014, sarà possibile ammirare alcune delle opere appartenenti alla Collezione della Fondazione Menegaz.


ArtistaVariAnno2014

Fino al 30 giugno 2014 – Palazzo Clemente

Il corpus della Collezione, costituito da circa 50 opere, alcune delle quali esposte già nella mostra “Il colore e la forma”, appare molto variegato, sia da un punto di vista storico che stilistico, anche se particolare rilievo è dato all’arte contemporanea, rappresentata soprattutto, ma non solo, da giovani talenti italiani.
Ciò perché la Collezione si è via via arricchita insieme ai progetti che la Fondazione ha realizzato e a seguito delle collaborazioni artistiche intrecciate durante i numerosi anni di lavoro.

Il percorso espositivo inizia nella loggia del Palazzo, dove è stata inserita un’opera di Mario Airò, creata per il progetto-mostra della Fondazione “Interferenze costruttive. Artisti in residenza in azienda” del 2011. La prima sala è invece dedicata alle opere più antiche della Collezione, tra cui 3 opere di Francesco Paolo Michetti. Proseguendo si verrà attratti dai colori e dalle linee astratte delle opere di Giuseppe Spagnulo, Carla Accardi, Tullio Catalano e Joe Tilson della seconda sala, mentre nella terza si possono ammirare opere di due grandi della fotografia come Guido Guidi e Piergiorgio Branzi. Le opere presenti nella quarta sala regalano un’atmosfera in bilico tra surrealismo e iperrealismo grazie ad artisti come José D’Apice, Marco Tirelli, Alessandro Cannistrà, Andrea Chiesi, Omar Galliani, Andrea Di Marco.

  1. Mario Airò, Cuma, 2011, libro, legno, oleogramma, cm 75x60x60
  2. Carla Accardi, Rossoverdenero, 2012, vinilico su tela, cm 70×90
  3. Anonimo, Figura di astronomo, XV sec., olio su tela, cm 47×42
  4. Kengiro Azuma, MU-7654 P., 1976, bronzo, cm 60×30
  5. Piergiorgio Branzi, Mykonos, Cuore Infranto, 1957, stampa giclée, cm 43×60
  6. Piergiorgio Branzi, Muro nero, 1954, stampa giclée, cm 63×61
  7. Tullio Catalano, Studio per l’ultimo dipinto di G. opera n° 9, 1996, tecnica mista, cm 50×70
  8. Tullio Catalano, Studio per l’occhio verticale (n° 4), 1993, tecnica mista-olio, tempera, pastello-su carta, cm 30×50
  9. Alessandro Cannistrà, Fumo solo, 2010, fumo su tela, cm 60×80
  10. Andrea Chiesi, Kali Yuga 39, 2006, olio su lino, cm 50×70
  11. Josè D’Apice, Bocca a bocca, 2004, tecnica mista su carta, cm 193×147
  12. Josè D’Apice, Epic bar, 2000, matita colorata su carta, cm 70×50
  13. Andrea Di Marco, Sara E11, 2011, olio su tela, cm 60×90
  14. Omar Galliani, Liberate gli Angeli, matita nera e pastello su tavola, 2012/13, cm 40×40
  15.  Guido Guidi, Senza titolo, 4 fotografie dalla serie Fiume, 2009/09, c-print, cm 16 x16
  16. Guido Guidi, Senza titolo, fotografia dalla serie Fiume, 2009/09, c-print, cm 20×25
  17. Francesco Paolo Michetti, Figura sulla spiaggia, 1872, olio su cartone, cm 15×18
  18. Francesco Paolo Michetti, Pastorella, anni ’70 dell’ 800, olio su tavoletta, cm 16×8
  19. Francesco Paolo Michetti, La festa della Madonna, tecnica mista su tela, fine dell’ 800-inizio 900
  20. Giuseppe Spagnulo, Progetto per la copertina del catalogo “Giuseppe Spagnulo. Alchimie del fuoco”, 2002, cm 34×49,5
  21. Giuseppe Spagnulo, Progetto per la copertina del catalogo “Giuseppe Spagnulo. Alchimie del fuoco”, 2002, cm 34×49,5
  22. Joe Tilson, Conjunction blackbird, favo, 2001, olio su tela, cm 48×61
  23. Joe Tilson,Senza titolo, 1996, terracotta, cm 2×16
  24. Marco Tirelli, Senza titolo, 2008, tempera su carta, cm 140×112

Orari: da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 19.00; sabato dalle 9.30 alle 13.30
È consigliabile chiamare prima allo 0861.508000
Festivi: chiuso

Privacy Preference Center